BLOG
Generale

Let’s green up! In che modo l'industria della stampa tessile può diventare più "verde"

Inserire la dicitura “ecologico” nel proprio portafoglio è facile. Ma è davvero un cambiamento? Questa differenza è essenziale. Lo spieghiamo nel nostro blog.

“Greening up”: qual è il problema?

Ammettiamolo: l’ecocompatibilità che molte aziende hanno stampato in grande evidenza spesso serve solo a scopi di marketing. Una linea di prodotti che mette la sostenibilità in primo piano? Va bene, ma che dire del resto della gamma? L’uso di materiali alternativi? Sembra fantastico, ma “alternativo” equivale davvero a “ecologico”? Queste misure sembrano promettenti, ma spesso scalfiscono solo la superficie del problema. La vera sfida è lasciarsi alle spalle le parole vuote. E realizzare davvero un cambiamento.

Noi di TREVISION siamo attivi, tra l’altro, nel settore della stampa tessile. Un’industria che si basa in gran parte sulle fibre sintetiche. Il problema: questi materiali in PVC non sono compostabili. Non esiste un processo di decomposizione naturale. Per questo motivo, si sta facendo sempre più pressione per passare a materiali alternativi, ad esempio riciclati. Fibre e tessuti sostenibili che riducano la nostra impronta ecologica.

Tuttavia, lo sviluppo di tali materiali è tutt’altro che semplice. A causa della loro diversa composizione, hanno anche proprietà differenti e devono essere lavorati di conseguenza. Ciò richiede una serie di processi di prova, che ovviamente comportano dei costi. I produttori tessili non investiranno in questi processi solo perché lo chiediamo noi. Il nostro settore rappresenta uno su mille: la maggior parte di tutti i tessuti sono prodotti per il settore dell’abbigliamento. È il settore dell’abbigliamento che deve essere il motore dell’innovazione. Solo allora la produzione cambierà.

Passo dopo passo verso un’industria più verde

Questo significa che ora possiamo sederci e aspettare che il settore dell’abbigliamento faccia passi avanti? Certo che no. Siamo costantemente impegnati a fare la nostra parte. Il ruolo che possiamo svolgere nel rendere il mondo più verde.

Abbiamo già compiuto alcuni progressi. Oggi offriamo un’ampia gamma di prodotti alternativi, come i materiali riciclati per i nostri telai in tessuto. O i teloni senza PVC per i camion. Stiamo testando le fibre di legno e il cotone biologico e siamo in stretto contatto con i nostri fornitori per un ulteriore sviluppo sostenibile.

Nahaufnahme Textilfaser

L’obiettivo può sembrare ambizioso: vogliamo offrire un’alternativa verde per ogni nostra applicazione. Quando vorremmo iniziare? Già l’anno prossimo, nel primo trimestre. Ma siamo fiduciosi che ci riusciremo: siamo costantemente alla ricerca di nuovi prodotti “verdi” e ci confrontiamo con le organizzazioni ambientaliste per essere certi di fare le scelte giuste.

La digitalizzazione rende più sostenibili

Ma ci sono anche modi meno ovvi per agire in modo più rispettoso dell’ambiente. Percorsi che si allontanano dalla produzione di nuovi materiali e che si concentrano invece sulla riduzione delle risorse in generale. Un modo per raggiungere questo obiettivo è ottimizzare il processo di ordinazione. Perché? Perché un eccesso di ordini non significa solo costi aggiuntivi per il cliente. Comporta anche una sovrapproduzione e quindi un maggiore consumo di risorse: noi cerchiamo di evitarlo.

Il nostro sistema di gestione digitale consente ai clienti di ordinare con maggiore precisione. Si tratta di un software speciale, conveniente e rispettoso dell’ambiente, in quanto contribuisce a evitare inutili sprechi di risorse. Sia nella produzione che nella consegna. Tale “greening” potrebbe non essere così visibile, così ovvio come una grande scritta che dice “Uso di materiali sostenibili”. Ma il suo scopo è lo stesso. Ed è questo accumulo di iniziative, per quanto diverse tra loro, che alla fine ci condurrà a questo obiettivo comune. Bisogna solo essere creativi. E questo è ciò che abbiamo sempre saputo fare meglio.

Digitalisierung Kunde Meeting